Seguimi su Instagram Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Segui il Canale di Youtube

tag foto 1 tag foto 1 tag foto 1

21 gen 2019

Dove finisce la notte di Daniela Tully [recensione in anteprima]

Martha e Maya, nonna e nipote. Le loro vite si inseguono e si intrecciano per tutto il romanzo. Passando da un capitolo all’altro, attraverso il tempo e la storia, conosciamo queste due protagoniste femminili. Martha è una giovane tedesca che vive il periodo del terzo Reich. Orgogliosa, bella e ribelle, in cuor suo sa che tutto quello che Hitler definisce utile alla loro razza, in realtà è solo il capriccio di un piccolo nanetto. Non potendo fare molto per dare un contributo considerevole alla salvezza degli ebrei, decide almeno di vivere contro le regole e continuare a leggere di nascosto tutti quei libri che sono stati distrutti, perché scritti da ebrei o perché avevano ideologie opposte a quelle del nazismo.
Ma ritornando nel presente, cioè nel 1990, ritroviamo Martha, ormai adulta, che per vivere costantemente giorno dopo giorno, ha le proprie routine e le proprie manie. Tutto ciò che interrompe questo ciclo le mette spavento. Finché un giorno non arriva una lettera, datata 1946, scritta da suo fratello gemello Wolfang, che lei odia con tutto il cuore. Dopo questa lettera, tutto cambia e ci ritroviamo catapultati nel 2017. Conosciamo Maya, unica nipote di Martha, che da lei ha ereditato gli stessi identici occhi verdi. Ma Maya rappresenta il prototipo di persona statica, che non si muove mai, legata solo ed esclusivamente ai suoi libri, l’unico modo che ha di viaggiare, insieme ad una piccola mania:aprire google heart e scoprire i vari posti nel mondo.

La Wanderlust. Il desiderio di viaggiare, era una delle cose che accomunava Maya e la nonna, insieme all’insaziabile fame di storie. E nessuna delle due era stato in grado di placare quella brama. “Leggere, me in Engel, è quanto di più simile al viaggiare possa esistere”, le diceva sempre la nonna”.

Nel 1990, Maya, tornata da un viaggio studi all’estero, scopre che la nonna è scomparsa. Dopo ben 26 anni senza sapere nulla, la polizia tedesca avverte Maya e il padre che i resti di sua nonna sono stati trovati a 100 km da New York, in una foresta dove erge incontrastato il resort Montgomery. Cosa ci faceva lì Martha, che non era mai uscita fuori dalla Germania? Decisa a combattere la sua paura per l’aereo, Maya prende il primo volo e parte alla ricerca di notizie. Soggiornando presso il resort, scopre ben presto che la nonna è stata uccisa e che la famiglia Montgomery nasconde ben più di un segreto.
Già dalla prima pagina di questo romanzo ho compreso che lasciarlo incompleto sarebbe stato da pazzi. Surreale, a volte quasi onirico, il libro ha rappresentato un viaggio dentro un mondo di storie che andrebbero spesso raccontate. Scoprire il colpevole non è stato per nulla al primo posto nella lettura. Quello che mi teneva incollata alle pagine è stato lo svolgersi di emozioni dentro le emozioni. Attraverso le pagine di questo libro si concentrano personaggi fuori dal comune, grotteschi, storie quasi al limite dell’irreale. Ma è l’amore a farla da padrone, se ne respira il profumo in quasi tutte le pagine. Libri così belli devono essere letti e poi custoditi non solo nelle librerie, ma nel cuore.
Scoprire poi che molte delle cose raccontate, soprattutto quelle storiche sono state prese dal l’autrice dai diari di sua nonna Martha, ha reso questo libro ancora più emozionante. Un bell’esordio, quindi per questa scrittrice, penna delicata intrisa di grandi emozioni.
Giovanna 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...