Seguimi su Instagram Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Segui il Canale di Youtube

tag foto 1 tag foto 1 tag foto 1

20 feb 2020

Ruckus (senza regole) di L.J. Shen [recensione]

Arriva finalmente in Italia Ruckus- Senza regole di L.J Shein, secondo libro della serie “The Saints’ Series” che ho avuto il piacere di leggere in anteprima grazie alla Always Publishing Editore. 
Ero estremamente curiosa di conoscere Dean perché tra i quattro HotHoles era quello che mi incuriosiva di più, che mi attirava come una calamita e infatti è stato all’altezza delle aspettative, se non addirittura meglio. I protagonisti di questo secondo libro saranno Rosie e Dean: il libro è diviso tra capitoli nel presente e capitoli nel passato, il passato si riferisce a undici anni prima quando Dean ha visto per la prima volta Rosie mentre stava con Millie, la sorella di Rosie (il libro è autoconclusivo ma non può essere capito senza prima aver letto Vicious- Senza pietà).


“Io ho una malattia. A volte la sconfiggo. A volte lei sconfigge me. La Rosa che tutti amavano stava appassendo, ma nessun fiore vuole morire davanti a un pubblico”.  


“Progettata per passare inosservata ma, come avrei scoperto in seguito, destinata a splendere come un cazzo di faro”.

Non ero minimamente pronta a scoprire tutto il passato tra Dean e Rosie perché non è stata una semplice infatuazione come si poteva pensare ma un fuoco che è sempre stato acceso: ha continuato ad essere presente per quasi un decennio fino a quando non è divampato in un incendio. Un incendio pronto a bruciarli entrambi.

 Rosie come sappiamo ha una malattia che la porterà a morire ma non si sa quando: questo da una parte la porta a vivere la vita a pieno e fare qualsiasi esperienza, dall’altro la porta a fuggire da qualsiasi relazione duratura e che abbia come fine il per sempre. E Dean, per quanto instabile sembri, è la sua Terra: tutto inizia e finisce con lui e questo per Rosie non è ammissibile in una vita che si sa quando è iniziata ma non si sa quando finirà.

“Il modo in cui lui mi guardava, come se io fossi il centro del mondo, mi disturbava. Mi lusingava. Si impossessava di me”.


“Prendo un respiro profondo. Non ho bisogno del mio inalatore. Ho lui”.

Dean è un donnaiolo, lo avevamo capito già dalla storia di Vicious, quello che non sapevamo è che ha dei seri di alcolismo e un segreto, un segreto che nemmeno i suoi tre fedeli compagni sanno. 
Scopriremo la vera natura di Dean: Jocker di giorno e Pierrot di notte; le due facce di Dean che Rosie scoprirà e amerà, in egual misura. La prima parte del libro si svolge a New York dove entrambi abitano e ogni giorno si punzecchiano: Dean, con battute tipiche di un donnaiolo, cercherà di portare nel suo letto Rosie e Rosie cercherà di resistere con tutte le sue forze non capendo che però al richiamo della propria Terra non si può resistere.
Saranno costretti a partire insieme per Todos Santos e si sa che quella città porta solo scompiglio: Rosie scoprirà cose della sua famiglia che mai si sarebbe immaginata; Dean beh…Dean porterà scompiglio perché è questo che fa: crea il caos. Un caos che sarà libero di esprimere solo con una persona: il suo Sirio.Ritroveremo tutti gli HotHoles e anche Millie, si capiranno anche meglio le dinamiche tra Dean e Vicious, aspetti del carattere che si potevano intuire dal primo libro ma che abbiamo avuto conferma in questo secondo e che ci fanno amare un po’ di più l’anima tormentata di Dean.
La storia tra Dean e Rosie non è piatta e senza ostacoli, anzi, oltre alla malattia ci sono i segreti di entrambi da scoprire e confidare all’altro, l’alcolismo di Dean e la voglia di fuggire di Rosie; a mettere altra carne sul fuoco ci penserà il nostro Ruckus negli ultimi capitoli del libro portando davvero caos nelle vite di tutti. Ma anche Jocker merita il suo lieto fine, per quanto certe volte si meriti solo delle botte in testa.
È un libro che comunque mi lascia con il pensiero perché quando i libri trattano delle malattie come quella di Rosie, inevitabilmente penso a quante persone nel mondo reale ne soffrono e quante magari non abbiano la fortuna di avere il loro lieto fine. 
La storia ti entra dentro, scorre nelle tue vene e si radica nel tuo corpo e nei tuoi pensieri: Dean, sapevo che mi avresti conquistata come una adolescente alla sua prima cotta e così è stato. Spero che sarà così anche per voi.
 Chira

Per leggere la recensione QUI



Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato il tuo pensiero.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...